About

L’ attenzione alla  materia e alla percezione sensoriale sono  costanti  che si ritrovano nella maggior parte delle mie opere. Sculture e installazioni vengono presentate per essere percepite con tutti i sensi. Sassi, sabbia, legni, elementi naturali e artificiali sono alcuni dei materiali  inglobati su superfici interne ed esterne delle opere trasformando la percezione dell’osservatore. L’esigenza della tattiità e l’attenzione alla materia si trovano anche nei dipinti. Le superfici diventano ritmate, con avvallamenti, corrugamenti, rigonfiamenti  costantemente modulati dalla luce non tanto per avere effetti plastici  ma per suggerire sensazioni sensoriali. Il lavoro svolto per anni con persone non vedenti mi ha suggerito la strada per le prime sperimentazioni.

Il mio lavoro non ha mai solo fini estetici; vorrei invece stimolare “riflessioni”  con uno stile  a volte anche intimista e chiamando spesso il pubblico ad un ” ruolo attivo.”

Lo scenario naturale, già  “opera d’arte”, e la bellezza profonda delle persone,  diventano  porte verso infiniti paesaggi interiori.

L’uomo contemporaneo va educato nella percezione di se stesso in relazione all’Universo per scoprire la fragilità che sottende l’esistenza.

Per questo le fotografie e le mie installazioni riguardano anche questioni sociali e ambientali legate al rispetto dei diritti umani e allo sviluppo di una coscienza ecologica.

La naturale propensione alla sperimentazione mi spinge a creare opere con un intreccio di più linguaggi, anche contemporanei.

 

 

 

 

The attention to matter and sensory perception are constant and can be found in most of my works. Sculptures and installations are presented to be perceived with all the senses. Stones, sand, wood, natural and artificial elements are some of the materials incorporated on the internal and external surfaces of the works, transforming the viewer’s perception. But the need for tactility and attention to matter are also found in the paintings. The surfaces become rhythmic, with depressions, corrugations, swellings constantly modulated by light not so much to have plastic effects but to suggest sensory sensations. The work done for years with blind people has suggested the way for the first experiments.

My work never has only aesthetic purposes; instead, I would like to stimulate “reflections” with a style that is sometimes even intimist and often calling the public to an “active role”.

The natural scenario, already a “work of art”, and the deep beauty of people, become doors to infinite inner landscapes.

Contemporary people must be educated in the perception of themself in relation to the Universe to discover the fragility that underlies existence.

For this reason, my photographs and installations also deal with social and environmental issues related to respect for human rights and the development of an ecological conscience.

The natural propensity for experimentation pushes me to create works with an interweaving of several languages, including contemporary ones.

 

 

 

Breve biografia

Nata a Domodossola nel 1967, vive e lavora tra Milano e il Lago d’Orta. Diplomata all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, ha sempre affiancato all’attività artistica la formazione in ambito pedagogico didattico collaborando con Università ed Enti Nazionali ed Internazionali. Dal 2006 al 2016  lavora insieme a G. Aloisi, artista formatasi a fianco di personaggi di spicco della scena artistica internazionale come Bruno Munari, Cruz Diez, Denise Rene, Fausta Squatriti e Luigi Veronesi,  da cui trae insegnamenti e competenze. La contaminazione tra diversi linguaggi artistici e la propensione alla sperimentazione sono pratiche alla base della ricerca di Monica Gorini  che per la sua produzione artistica attinge all’esperienza vissuta per molti anni con persone non vedenti. Le sue opere hanno un rimando costante al multi-sensoriale e sono accompagnate da testi poetici che compone in prima persona. Come artista visiva ha esposto in collettive a carattere nazionale e internazionale.

 

Born in Domodossola in 1967, she lives and works between Milan and Lake Orta. Graduated from the Brera Academy of Fine Arts in Milan, she has always supported her artistic activity with training in educational pedagogy, collaborating with universities and National and International Institutions. From 2006 to 2016 she worked  with G. Aloisi, an artist trained alongside leading figures on the international art scene such as Bruno Munari, Cruz Diez, Denise Rene, Fausta Squatriti and Luigi Veronesi, from whom she draws lessons and skills. The contamination between different artistic languages and the propensity to experiment are practices at the base of Monica Gorini’s research, who for her artistic production draws on the experience she lived for many years with blind people. Her works have a constant reference to the multi-sensory and are accompanied by poetic texts that she composes herself. As a visual artist she has exhibited in national and international group shows.

 

2019   Photography Gala Awards Exhibition. Giverny: Last Paradise connected to painting. Esposizioni delle opere vincitrici e finaliste. Galeria Valid Foto Barcellona.

BIPA, Barcelona International Photography Awards. Giverny: Last Paradise connected to painting.

Proiezione delle opere finaliste.  Galeria Valid Foto, Barcellona.

2018   International 5th Biennial of Fine Art and Documentary Photography. The wrong body. Space Nau Bostik, Barcellona.

Verso il cielo, Mostra fotografica Chiostri dell’Umanitaria, Milano

2017   Photography Gala Awards Exhibition. Artisti vincitori e finalisti, Galeria Valid Foto, Barcellona.

L’altro sguardo. Mostra fotografica, Società Umanitaria, Chiostro dei Glicini, Milano.

2016   Berlin Foto Biennal.4th Biennal of fine art & Documentary Photography. Palazzo Italia, Berlino

Dreams from Karim to Lin, mostra fotografica, Villa Forno, Milano. Su invito e in collaborazione con Uiversità Bicocca  di Milano.

Dreamland, mostra fotografica,  The Se Center for Photography, Greenville, South Carolina, USA

2014   The Way and  Touchsenses, sculture multisensoriali, su invito e in collaborazione con Università Bicocca di Milano e Comune di Milano.

2013   The places of  imaginary, mostra fotografica. Spazio O.C.A Officine Creative Ansaldo, Milano.

2012   Proiezione collettiva di opere. Time Square,New York.

2011   L’altro sguardo,  mostra fotografica. Istituto dei ciechi, Milano.

2009   The way,  Scultura multisensoariale. Multi-modal approaches to learning, creativity and communication.

The Metropolitan Museum of Art, New York.

Signs. Mostra fotografica. Superstudio 13, via Forcella 13, Milano.

2008   Kaleidoscopio,  Performance  teatrale e  opere multisensoriali per un pubblico integrato tra non vedenti, vedenti e ipovedenti. Istituto dei ciechi, Milano.

2007   Scoprire l ‘invisibile,  sculture. Multi-modal approaches to learning, creativity and communication. The Metropolitan Museum of Art, New York.

Performance multisensoriali opere fotografiche e sculture, Circolo culturale P. Bentivoglio, U.I.C.

Unione  italiana ciechi, Milano.

Mostra fotografica vincitori e finalisti, Paris Photo Prize, Px3 Prix de la Photographie, Parigi.

 

Mostre personali

2019  Only strips, only colors, Spazio Espositivo Secondopiano, fotografia. Libreria Hoepli,  Milano

2018  Acqua e Materia, Opere pittoriche e Installazioni, sala della Gran Guardia, Portoferraio, Isola d’ Elba

2012  Dreams from Karim to Lin, bi-personale, mostra fotografica, Triennale Design Museum, Milano

2011  The other view, bi-personale, mostra fotografica, Istituto dei ciechi, Milano

 

Fiere

2018  Paratissima Art Fair, Caserma La  Marmora, Torino

Paratissima Art Fair, Spazio_Base, Milano.

2015  Ordine o Caos? Paratissima, XI ,Torino Esposizioni.

2012  Carrousel du Louvre, Salon Art Shopping, Paris.

 

Performance, Installazioni

2019    Land Art, Installazione La porta, Mottarone, Piemonte, Italia

2019    Land Art, Installazione La porta Villa Nobel, mostra dei finalisti premio

2017    Non una di meno, Opera condivisa e Performance. Costruzione di un grande Mandala di sale colorato.

Con la partecipazione di 100  donne artiste. In occasione della giornata Internazionale della donna.

Galleria Vittorio Emanuele, Milano.

2017    Reflecting on war, Installazione di libri d’artista,  Woman’s essence. Espace Comminees, Parigi.

2016    White books, Installazione di libri d’artista, Sale del Bramante, Roma.

War to war , Installazione di libri d’artista, Finalista Arte Laguna Prize, Arsenale di Venezia.

2015     L’albero della vita, Performance con la partecipazione di persone non vedenti. Chiostri della Società Umanitaria, Milano.

White books, Installazione di libri d’artista, finalista selezionata da Paratissima, Hit Parade, Mauto, Museo dell’Automobile, Torino.

2014   Travelers all together, Performance.  Evento per  la  Terza giornata interculturale MOVING TOWARDS.

Places of the city, intercultural dialogues. Su invito di Università Bicocca di Milano.

2013     Star’s Labyrinth,  Performance , creazione di una installazione di libri  d’artista.  Spazio

O.C.A, Officine Creative Ansaldo, Milano Con-ta-ci , Performance. Costruzione di un grande mandala di sale colorato. Padiglione del Tibet.

Evento collaterale alla 55 Biennale di Venezia, in collaborazione con Accademia di Belle arti di Brera.

White books, Installazione di libri d’artista,  Spazio O.C.A Officine Creative Ansaldo, Milano.

2008    Scoprire l’Invisible, Installazione. Ricostruzione di un’opera d’arte al buio. Centro per  l’arte e la creatività, Edu-art, Milano.

 

Premi

2020   Finalista Arte Laguna Prize, Arsenale di Venezia

2020   COCA Center of Contemporary Artists, project, prima selezione

2019   Finalista Arteamcup 2019

2019   Vincitrice Premio  Concorso Gutemberg Edizioni

Premio Speciale Vanillaedizioni – Arteamcup 2019

2016  Finalista Arte Laguna Prize, Arsenale di Venezia

 

Premi Fotografici

2018   Premio  Contemporary Photography Award, Barcellona Foto Biennale

2017   11th Edition JMCA, Julia Margaret Cameron Award for  Women Photographers.

Vincitrice assoluta dell’Edizione insieme a Diana Nicholette Jeon, United States e Isabela Pacini, Brazil.

https://www.thegalaawards.com/

Per altri premi e menzioni d’onore: https://www.monicagoriniartist.com/awards

Recent Talk e workshop in ambito artistico

2019  Talk e workshop presso Libreria Hoepli,  Milano.

2018   Talk 5th International Biennial of Fine Art and Documentary Photography. Space Nau Bostik, Barcelona, Spain. Director: Julio Hirsh Hardy

 

Riviste e siti internazionali

https://www.lensculture.com/monica-gorini

https://cocaproject.art/artists/monica-gorini-coca20/

https://www.dodho.com

https://artelaguna.world/artist/monica-gorini/

 

In ambito educational

2009 e 2007 Conferenze : MULTI-MODAL APPROACHES TO LEARNING, CREATIVITY AND COMMUNICATION Sponsorizzata da Art Education for the Blind and the Teachers College Columbia University, con workshop relativi alle  sculture “ The way ” e “ Touchsenses ” arte multimodale. Metropolitan Museum of Art, 1000 Fifth Avenue, NY

 

Collezioni

Foto Nostrum Gallery, Barcelona

Collezioni  private

 

About | Monica Gorini